Le 5 cose da sapere sulla nuova Rc auto

modulo-blu

Le 5 cose da sapere sulla nuova Rc auto: fondamentali per viaggiare in regola. Così, causando un incidente, si ha copertura. La compagnia risarcisce i danni all’altro guidatore. Ma vediamo in dettaglio che cosa spiega l’Ania (Associazione delle assicurazioni) in una pagina specifica, appena aggiornata.

Le 5 cose da sapere sulla nuova Rc auto: regole base

  1. La Rca copre i danni (fisici e materiali) subiti da pedoni, ciclisti e altre persone non trasportate a bordo dell’auto assicurata. Più i danni subiti da persone trasportate a bordo di altro veicolo, i danni fisici subiti dai passeggeri a bordo del veicolo assicurato. E i danni materiali subiti da oggetti esterni ai veicoli (cassonetto della spazzatura, strutture della sede stradale).
  2. Ma i danni alle cose di proprietà dei passeggeri sono risarciti? Sì, condizione che essi non siano legati da determinate relazioni di parentela o di società con il proprietario o con il conducente del veicolo.
  3. Invece, la Rca non copre i danni fisici e materiali subiti dal conducente responsabile del sinistro. Le persone danneggiate diverse dal conducente sono detti “terzi”danneggiati. Sono distinti in “terzi trasportati” e “terzi non trasportati”. Il risarcimento del danno può essere ridotto nel caso in cui il terzo danneggiato abbia tenuto un comportamento che ha contribuito ad aggravare il danno subito: il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, in particolare.
  4. I miei danni fisici, se provoco un sinistro, sono risarciti dalla Rca? No. Serve una polizza facoltativa che assicura i danni fisici del conducente responsabile dell’incidente.
  5. Quando la Rca non è attiva? Nel caso di circolazione avvenuta contro la volontà del proprietario, dell’usufruttuario, dell’acquirente con patto di riservato dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria. Esempio: nell’ipotesi di furto del veicolo, a partire dal giorno successivo alla denuncia all’autorità di pubblica sicurezza. In questi casi ad intervenire è il Fondo di garanzia per le vittime della strada che risarcisce i danni da circolazione del veicolo rubato cagionati dal ladri.

In caso di incidente, che fare

Fare denuncia entro tre giorni da quello in cui si è verificato o l’assicurato ne ha avuto conoscenza. La denuncia di sinistro al proprio assicuratore deve essere inviata anche quando si ha torto (e quindi non si ha diritto a alcun risarcimento). Il Modulo blu è utile. Per la constatazione amichevole. Però, se avete scritto qualcosa di sbagliato, si può anche rimediare dopo, specie in presenza di un verbale di incidente delle Forze dell’ordine.